Chi Sono

Tommaso Andreini

Andreini si cimenta nello studio del disegno con uno stile classicista che impronta le forme e i chiaroscuri delle figure ben modellate. Visi, corpi, scenografie, forme, si alternano con un linguaggio che mescola sapientemente l’antico e il moderno. L’uso dei materiali è improntato alla piena libertà espressiva.


Nacqui in una città unica, crescendo, me ne innamorai.


E’ nato a Siena il 25/01/1977.

Ha conseguito il diploma di perito edile nel 1996.

Sin da piccolo ha mostrato un naturale interesse per il disegno e l’arte grafica in generale. Ha iniziato presto, quindi, a dipingere con continuità e con l’esperienza lavorativa presso l'Etichettificio Senese (ditta di design e serigrafia) si è presentata per Andreini una prima importante occasione di progettare e dar vita a personali creazioni, tra le quali, numerose destinate ad importanti etichette di vini.

Ha lavorato presso la ditta Voltolini (2007-2013) eseguendo opere di pittura, decorazione e restauro collaborando con Rita Rossella Ciani.
Dall’esperienza acquisita con il restauro ha colto la possibilità di affinare le proprie tecniche artistiche sperimentando i più diversi materiali e procedimenti; parallelamente ha approfondito lo studio della storia dell'Arte, con particolare riferimento all’opera figurativa del Caravaggio. Dedicandosi, poi, con particolare attenzione all’arte della sua terra, a quella magnifica pittura senese del Rinascimento.

Oltre a partecipare a mostre collettive di giovani artisti a Siena, Andreini ha contribuito ad arricchire con restauri ed opere di vario genere il patrimonio di numerose Contrade del Palio di Siena. Di rilievo sono state, nel corso degli anni, le sue collaborazioni con i Palii di Bientina, Asti, Fucecchio, Ferrara, Legnano, Pisa, Narni, Piancastagnaio, Torrita di Siena. Suo è l’ultimo Minimasgalano, opera scultorea di notevole importanza civica.

Con la ditta Voltolini, ha collaborato a molti restauri e decorazioni ex-novo in tutto il territorio ed oltre.

Ha lavorato ad un progetto con il quale è impegnato in numerose mostre personali; si tratta di una serie di sculture dal titolo “Mani” in cui Andreini ha sapientemente mescolato l’impiego di diversi materiali, seguendo un percorso istintivamente profondo che ha radice in innumerevoli esperienze vissute dall’artista.
Il risultato sono delle opere di pura arte contemporanea.

Successivamente esegue oltre 30 opere dal titolo “Inferno”, mescolando un figurativo ad un surrealismo onirico. Crea scenografie ed ambientazioni di un Inferno Dantesco dando un volto ed un corpo ai personaggi descritti dal sommo poeta.

Attualmente continua la produzione di Opere Surrealiste e Metafisiche legando la Storia e l’Antico a tematiche attuali dove lo stesso pittore si identifica. Suoi sono gli Angeli, i Cavalieri e i Cavalli dipinti come dice lo stesso Artista, "a velature e patinature tono su tono", conferendo alle sue opere questa particolarità che lo contraddistingue.

Realizza vari Drappelloni commissionatoli in tutta Italia dalle varie Amministrazioni Comunali, e nel 2016 riceve l’importantissimo incarico di dipingere il Palio di Siena del 2 Luglio, vinto dalla Contrada della Lupa.

  • Stefano Andrei
    Nascere a Siena è per certi versi un privilegio di cui forse non si è mai pienamente consapevoli. La città si offre agli occhi di tutti con la bellezza e la potenza di un glorioso passato dipinto e scolpito in ogni angolo. Per quelli che come Andreini si muovono, ormai da tempo, nel mondo dei cantieri dell’arte e del restauro pittorico, una cosa è chiara: Siena è un grande libro di pietra e colori dove leggere, apprendere e trovare ispirazione. Qui l’artista ha trovato infatti forza e passione per disegnare, dipingere e modellare la materia. Nel 2009 ha deciso di portare fuori dal laboratorio i suoi lavori artistici. Espone le sue opere in diverse gallerie italiane ed estere e nel suo atelier a pochi passi dalla Torre del Mangia. Non ci stupiremo quindi se nei suoi lavori, i risultati della qualita’ disegnativa hanno preceduto nel tempo e nell’ intensita’ i modi dell’espressione cromatica. In gran parte dei dipinti di Andreini, i mezzi grafici risolvono con sicura certezza l’invenzione dell’artista, precisandone figure e modulazioni, modificando e corredando il suo linguaggio con l’intervento dell’apporto chiaroscurale, costruendo con luci ed ombre, una suggestione plastica resa evidente anche da patinature, velature e trattamenti di finitura alle tele. Chi vuol guardare con occhi diversi i dipinti di Tommaso Andreini, troverà silenziosamente i colori e i temi di Siena, vero cuore della sua creatività.
    Stefano Andrei
  • La grande arte figurativa irradiata da Siena e Firenze durante il Rinascimento reputava, quale fondamento indispensabile per una valida figurazione pittorica, la raggiunta eccellenza nel disegno. Non ci stupiremo quindi se nelle opere di Tommaso Andreini, i risultati della qualità disegnativa hanno preceduto nel tempo e nell’intensità i modi dell’espressione cromatica.In gran parte dei lavori di Andreini, i mezzi grafici risolvono con sicura certezza l’invenzione dell’artista, precisandone figure e modulazioni, modificando e corredando il suo linguaggio con l’intervento dell’apporto chiaroscurale, costruendo con luci ed ombre, una suggestione plastica resa evidente anche da patinature, spatolature e trattamenti di finitura alle tele. La magia sinfonica del suo colore, esangue, consunto dalle memorie dei tempi, in sapienti velature che plasmano nudità acerbe, seducenti o talvolta carnali, coperte da serici veli che paiano scaturite dalle profondità viscerali della terra. La qualità che appare subito ai nostri occhi, di questo giovane pittore senese, profondamente attaccato alle sue origini e alle tradizioni della sua terra color del tufo, è il suo magistero disegnativo, dotato di una conoscenza anatomica intuitiva e il suo senso plastico del movimento.
    Ezio Buzzegoli
  • Quello che maggiormente colpisce dalla lettura del lavoro di Tommaso Andreini è sicuramente l'entusiasmo che mette nell'esecuzione delle sue opere, facendo trasparire una passione forte ed intensa che probabilmente contiene con non poca fatica all'interno dei soggetti che sceglie e ritrae. Andreini sembra non indugiare tanto a riflettere sulle imprese che avvia: le affronta di petto e le divora, con la piena certezza di potersi misurare alla pari con qualsiasi sfida. Non sono, queste, caratteristiche da poco in un panorama odierno dove spesso i giovani, magari ben preparati e sufficientemente intelligenti, si attardano in una serie infinita di tentativi per raggiungere una dimensione che li rappresenti e li distingua, cambiando continuamente forma e sostanza, tecnica e contesto. Anche Andreini cambia, molto e spesso, ma senza rinnegare nulla dei suoi precedenti traguardi, ma piuttosto con la naturalezza di chi esprime lo stesso concetto con parole diverse ma di uguale significato, con dei sinonimi che di diverso presentano soltanto la grafia. Scorrendone le opere, specialmente quelle riferibili a soggetti "sacri" o anche quelle che riproducono personaggi e vicende della storia, si possono anche individuare alcuni suoi "maestri", forse involontari, ed è proprio in questo caso che si riesce a cogliere qualche spunto di derivazione ed una certa somiglianza con altri artisti. Ma la tensione che non si può non cogliere nella tessitura del dipinto ci riconduce inevitabilmente ad una cifra assolutamente particolare, se non proprio unica. E' anche chiaro quanto debba alla tradizione senese, di cui è sensibilmente preso. Apprezza evidentemente gli esempi che in questa città si propongono ai suoi abitanti e a quanti comunque la frequentano e la amano. Tommaso è attento ai modi attraverso cui si è sviluppata ed affermata la scuola artistica di Siena ed il particolare gusto che essa ha saputo generare e che ci rende allo stesso momento - noi senesi, noi che abbiamo respirato l'aria particolare delle nostre colline - chiusi nelle nostre convinzioni ma anche aperti al mondo e alle sue sfide. Tutto questo credo si possa apprezzare nel lavoro di Tommaso Andreini, un giovane senese cui si prospetta un avvenire denso delle soddisfazioni che merita.
    Massimo Bianchi - Comune di Siena
  • Che dire delle opere pittoriche di Andreini? Avevo comprato anni fa il quadro di un ragazzo, da poco uscito da scuola, con una buona mano e bel senso del colore, ma ancora ingenuo e scolastico nella rappresentazione, seppure bella e colorita, di una campagna toscana (questo è il soggetto del quadro che adesso è nel mio salotto)ed ora, analizzando le ultime tele della serie INFERNO, trovo le opere di un uomo con una personalità complessa, che ha composto rappresentazioni drammatiche, fatte di corpi sofferenti, all'insegna di una maturità personale, di approfondimenti e di tanto studio per migliorarsi. In comune con il ragazzo di dieci anni fa, sempre il forte senso del colore e la chiarezza compositiva. Noto in alcune opere anche un sottofondo fortemente onirico: uomini, donne e colori sembrano usciti da un sogno, un incubo, da un terrore o anche da una speranza (mi richiamano in qualche spunto il grande Chagal, di cui ho visto recentemente una mostra a Roma). In altre opere l'arte mi sembra farsi religiosa e mi parla del Cristo fattosi uomo e morto in Croce; magari queste sottolineature spirituali sono solo nella mia mente e si tratta piuttosto da parte di Andreini, della rappresentazione dell'uomo sofferente o meglio dell'intera umanità che soffre. D'atro canto, l'Inferno dantesco è proprio questo. In altre opere ancora prevale lo studio dei corpi, delle espressioni, dei movimenti.. con risultati efficaci e in linea con le tendenze dell'arte contemporanea, con sapiente mescolanza di disegno, colore e astrattismo.
    Patrizia Turrini - Archivio di Stato di Siena

Mostre, Eventi e Pubblicazioni

  • 1999Mostra

    Mostra collettiva a Siena nelle sale della Contrada della Selva.
  • 2002Mostre

    Mostra personale a Siena nella Botteghina di Rompicollo.
  • 2011Mostre e eventi

    Vinto il 2° premio del concorso Chianinart di Bettolle. Premiato tra le 4 migliori opere del concorso di pittura estemporanea organizzato dall’associazione “il Cenacolo” di Sangimignano. Mostra personale d’arte patrocinata dal Comune di Firenze, quartiere Q4 negli splendidi locali della limonaia di Villa Vogel, dal 1 al 15 giugno. Maggio MOSTRA nei locali del Comune di Firenze nella limonaia di Villa Vogel. Luglio MOSTRA nei locali (ex Pescherini) del Comune di Gaiole in Chianti. Settembre MOSTRA al Museo Archeologico comunale De La Grange, di Allumiere Rm. Ottobre commissionato dalla Fises di Siena, realizza il MINIMASGALANO 2011, vinto dalla Contrada Sovrana dell’ Istrice. Ottobre MOSTRA personale permanente nelle stanze del locale “Le Logge” di Montalcino. Ottobre MOSTRA COLLETTIVA nei locali del Comune di Firenze di Villa Strozzi con Alberto Inglesi Vinto il 2° premio del concorso Chianinart di Bettolle. Premiato tra le 4 migliori opere del concorso di pittura estemporanea organizzato dall’associazione “il Cenacolo” di Sangimignano. Mostra personale d’arte patrocinata dal Comune di Firenze, quartiere Q4 negli splendidi locali della limonaia di Villa Vogel, dal 1 al 15 giugno. Maggio MOSTRA nei locali del Comune di Firenze nella limonaia di Villa Vogel. Luglio MOSTRA nei locali (ex Pescherini) del Comune di Gaiole in Chianti. Settembre MOSTRA al Museo Archeologico comunale De La Grange, di Allumiere Rm. Ottobre commissionato dalla Fises di Siena, realizza il MINIMASGALANO 2011, vinto dalla Contrada Sovrana dell’ Istrice. Ottobre MOSTRA personale permanente nelle stanze del locale “Le Logge” di Montalcino. Ottobre MOSTRA COLLETTIVA nei locali del Comune di Firenze di Villa Strozzi con Alberto Inglesi, Vittoria Marziali, Luciana Staderini ed altri artisti locali. Ottobre selezionato da Artist in the World di Roma. Novembre Mostra personale nell ‘Auditorium della Banca di Monteriggioni presso Siena organizzata dall’ass.ne Onlus Per.La a favore dei bambini delle Filippine. In quella occasione e’ stata donata un’opera messa all’asta e il cui ricavato e’ stato devoluto in beneficenza a favore della suddetta Associazione. Dicembre realizzato per la Chiesa di S. Andrea alle Grotte (SI) una tela di 2mx1,5m rappresentante il martirio di S. Andrea. Tale opere e’ stata presentata e benedetta la notte di Natale 2011. i, Vittoria Marziali, Luciana Staderini ed altri artisti locali. Ottobre selezionato da Artist in the World di Roma. Novembre Mostra personale nell ‘Auditorium della Banca di Monteriggioni presso Siena organizzata dall’ass.ne Onlus Per.La a favore dei bambini delle Filippine. In quella occasione e’ stata donata un’opera messa all’asta e il cui ricavato e’ stato devoluto in beneficenza a favore della suddetta Associazione. Dicembre realizzato per la Chiesa di S. Andrea alle Grotte (SI) una tela di 2mx1,5m rappresentante il martirio di S. Andrea. Tale opere e’ stata presentata e benedetta la notte di Natale 2011.
  • 2012Mostre e eventi

    Gennaio alcune sue opere sono esposte al la Galleria d’ Arte Contemporanea Mentana di Firenze che ha fortemente voluto intrattenere rapporti con Andreini. Febbraio Con la prestigiosa Galleria fiorentina partecipa ad una Mostra dal titolo “Spazzi Aperti”, in cui sono inseriti artisti di spessore nazionale ed internazionale. Aprile Evento di beneficenza organizzato dal reparto di Pediatria dell’Ospedale di Siena. In quella occasione un opera e’ stata venduta all’ asta a favore del suddetto scopo benefico. Maggio Partecipa alla Mostra collettiva nel chiostro della Villa Vogel a Firenze, organizzata dall’ufficio cultura del Comune fiorentino. Giugno realizza le” Brocche dell’Imperatore”per il Comune di S. Quirico d’Orcia. Sono 2 sculture che andranno in premio al Quartiere che si aggiudichera’ la 25° Festa del Barbarossa. Luglio Mostra personale dal titolo “lo spazio e la forma dell’irreale”, allestita a Palazzo Chigi, sede del Comune di S. Quirico d’Orcia e patrocinata dallo stesso Comune della Vald’Orcia. Partecipa a Girogustando, organizzato dalla Camera di Commercio di Siena. Dicembre Inaugura la sua Galleria privata in via del Porrione 68 a Siena, dove lavora ed intrattiene rapporti attualmente.
  • 2013Mostre e eventi

    Luglio Mostra collettiva al Palazzo dei Priori di Colle val d’Elsa -SI- dal titolo Fantasya, organizzata dall’associazione Expoart. Luglio Mostra collettiva al Palazzo dei Priori di Colle val d’Elsa -SI- dal titolo Fantasya, organizzata dall’associazione Expoart. Agosto “Artisti sotto le stelle, evento svoltosi in Piazza del Campo a Siena. Dicembre Mostra collettiva di Artisti senesi dal titolo “A Cavallo dell’Anno” presso i “Magazzini del Sale” Palazzo ubblico Comune di Siena. gosto “Artisti sotto le stelle, evento svoltosi in Piazza del Campo a Siena. Dicembre Mostra collettiva di Artisti senesi dal titolo “A Cavallo dell’Anno” presso i “Magazzini del Sale” Palazzo Pubblico Comune di Siena.
  • 2014Mostre e eventi

    Marzo “CoccoSI” Performance in Piazza del Campo SIENA. Agosto Performance a Castelnuovo Berardenga per l’evento “Calici sotto le stelle”ORGANIZZATO DAL Comune. Agosto Performance in Piazza del Campo per “Siena con la macchia” per la candidatura a Siena Capitale della cultura 2019. Ottobre Performance in Piazza del Monte con l’ Associazione Estrosi a sostenere “Ogni forma di arte contro ogni forma di discriminazione” per Siena Capitale della Cultura 2019. Ottobre Firenze, Piazza Beccaria, “le 100 botteghe di via Gioberti” Artisti in strada. Ottobre Collettiva all’Enoteca Innocenti di Poggibonsi. Novembre Performance al castello di San Giovanni d’Asso. Novembre GIROGUSTANDO organizzato dalla Camera di Commercio di Siena al ristorante Fonte Gaia. SIENA. Novembre partecipato al concorso “Schizzi sul grembiule” bandito dall’associazione culturale TuscanStyile. Le opere verranno esposte a New York, al VinItaly e in altre location nazionali. Dicembre esposizione personale di opere presso il Bar da Chicca a Siena. Dicembre esposizione personale di operer presso il ristorante Cuoricino a Siena localita’ Uopini. Dicembre esposizione collettiva con gli Estrosi in Piazza del Campo a Siena per l’evento del “Il mercato nel Campo”. Dicembre-Gennaio mostra collettiva all’ ACCABI’ Hospital di Poggibonsi SI per l’evento di “A cavallo dell’anno”. Dicembre-Gennaio mostra collettiva al Santa Maria della Scala per l’evento di “A cavallo dell’anno”.
  • 2015Mostre e eventi

    Febbraio Personale nel negozio RICCI OTTICA di via massetana Romana. Febbraio Mostra alla Galleria 20 di Torino. Marzo Mostra alla Galleria Ce.Ma.Ci. di Matera. Marzo Partecipato al concorso indetto dal Comune di Siena per la realizzazione del Palio del 2 Luglio 2015, ben figurando. Aprile Mostra collettiva a Castelnuovo Berardenga SI nel Museo del Paesaggio. Aprile Partecipato al concorso per la pittura del Balestro del Girifalco di Massa Marittima GR. Maggio Mostra collettiva internazionale curata dal critico d’arte Paolo Levi, dal titolo “Dal Caravaggio ai giorni nostri” a Roma nelle Sale del Bramante in Piazza del Popolo. 8-9-10 Maggio Mostra al Teatro dei Rozzi di Siena, durante lo spettacolo della Compagnia Teatrale “il Grappolo”, con artisti locali dello spessore di Carlo Semplici, Pierluigi Olla, Ezio Pollai e Luciana Staderini. Giugno Collettiva nella Galleria 20 di Torino. Giugno Mostra Palazzo Sergardi Bindi Via Montanini SIENA. Luglio Mostra collettiva presso l’ Hotel Minerva SIENA. Luglio Personale al ristorante Gallo Nero SIENA. Agosto Realizzato per la Contrada della Torre e per la Contrada della Selva, i “Cavallini”per il Museo di Contrada. Con l opera, La Selva ha prodotto delle litografie che ha donato ai commensali della Cena della Vittoria. Agosto Realizzata la copia fedele dello ZUCCHINO della Contrada della Selva, donato al fantino vittorioso Giovanni Atzeni al secolo TITTIA. Ottobre Mostra nel Chiostro di San Francesco a Siena, dei bozzetti del concorso per il Palio del 2 Luglio 2015.
  • 2016Mostre e eventi

    Febbraio, realizzato disegno per il regalo della “cena dei Mangini”. Marzo, su commissione, realizzato il Palio di Torrita di Siena. Aprile Restauro pittorico di una decorazione Liberty, presso la Banca MPS di Ascoli Piceno. Aprile Realizzato, per la Contrada di Valdimontone, il “Palio dei Cittini”. Maggio Dipinto gli stemmi dei Presidenti Mussari e Viola, della Banca Monte dei Paschi di Siena, nelle pareti delle sale del Palazzo Tantucci. Marzo, Aprile, Maggio, Giugno dipinto il PALIO DI SIENA della Madonna di Provenzano del 2 Luglio, commissionato dal Comune di Siena e vinto dalla Contrada della Lupa. Giugno, realizzato i regali per i commensali della Cena del Piatto della Contrada della Torre e il regalo della dirigenza nei confronti del fantino vittorioso Andrea Mari detto BRIO.
    Settembre Realizzato i regali della Cena della Vittoria della Contrada della Lupa.
    Settembre Realizzato il Cencio del Palio di Paganico GR.
  • Pubblicazioni

    2006 Articolo sul periodico “Il Carroccio”. 2010 Pubblicazione catalogo INFERNO. 2011 Pubblicazione catalogo MANI. 2013 Articolo su EXPO ART Magazine. 2013 Articolo su SIENA AND STARS. 2015 Articolo su EA Edizioni Roma. 2015 Articolo su Rivista d’arte GALLERIA 20 Torino. 2015 Articolo su Artisti Senesi curato dalla Regione Toscana.
    2016 Articolo e intervista su Il Carroccio di Siena.
    2016 Pubblicato dalla Casa Editrice il Leccio, il primo libro di Andreini CENCIO,GENESI DI UNSOGNO.
    2016 Alcuni articoli sul Numero Unico della Contrada della Lupa.
  • 2017Mostre e eventi

    Aprile Realizzato i regali della Cena dei Mangini.
  • Aprile 2017 realizzato i regali della Cena dei Mangini per la Contrada della Lupa. Maggio 2017 realizzato anche il regalo della Cena dei Capitani. Maggio 2017 partecipato alla giuria di un concorso di pittura per le scuole medie di Siena, organizzata dal Mac'Donald. Coinvolto in molti progetti culturali con le classi di molte scuole di Siena.
  • Agosto Montalcino, Realizzata l'opera andata in premio al Quartiere Ruga, per la gara degli archi e frecce, per l'apertura delle cacce. Agosto Montalcino, Mostra personale dal titolo SOGNIUM, nei bastioni della Fortezza, patrocinata dal Comune e dall'Unesco. Agosto Montepulciano,conferito il PREMIO CESARE OLMASTRONI nel Teatro Poliziano. Agosto Realizzato e donato all'Imperiale Contrada della Giraffa, l'opera denominata "i cavallini", in occasione della vittoria riportata sul Campo il 2Luglio 2017. Settembre Realizzato su commisione della Proloco, dal Comune e la Chiesa, il sessantesimo Palio dei ciuchi di Campagnatico GR. Settembre Dipinta una Madonna col Bambino su tavola lignea applicata successivamente in un Tabernacolo posto in Siena, via di Castelvecchio, commissionata dalla Contrada della Tartuca e curata dalla Soprintendenza di Siena.